Un contadino muore improvvisamente per il morso di una zecca – Dopo 6 mesi si scopre che la verità è ancora peggio – i sintomi da non sottovalutare

 

Un uomo è morto misteriosamente per una puntura di zecca. Sono rimasti tutti scioccati da questa morte per un’infezione che di solito si può curare con gli antibiotici. Tuttavia, è stato qualcosa di inspiegabile, anche i medici erano sconcertati.
Cosa è successo …
Dopo sei mesi di indagini, il Center for Disease Control (CDC), cioè il centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha determinato la vera causa della misteriosa malattia di quel contadino. Il team del CDC ha rilevato che l’agricoltore era affetto da una malattia trasferita da una zecca.
Quale infezione?

zecca

Il contadino era stato infettato da un virus sconosciuto, al quale hanno dato il nome di “Bourbon Virus”

Gli esperti

zecca

Un esperto della University of Kansas Hospital, il dottor Dana Hawkinson ha detto: “Il suo genoma è simile ai virus che sono stati trovati in Europa orientale, Africa e Asia, ma nessun virus del genere è mai stato identificato nell’emisfero occidentale, certamente nulla che abbia mai visto qui”

I sintomi

Il Dr. Dana ha detto che le zecche sono portatrici del “Bourbon Virus”, se questo virus viene trasferito agli umani può causare febbre, anoressia e dolori muscolari. Purtroppo, questo nuovo virus è resistente a qualsiasi antibiotico, ecco perché l’agricoltore non ce l’ha fatta nonostante avesse preso antibiotici per la febbre portata dalla zecca.

Mai prendere i sintomi alla leggera!

zecca morso

In generale ignoriamo i piccoli morsi pensando che non siano nulla di grave, ma dopo aver letto la storia di questo contadino, è bene ricordare a tutti i nostri lettori di non prendere alla leggera morsi di alcun genere se pur di piccole dimensioni. Alcuni morsi possono fare gravi danni o peggio… possono anche uccidere!

Il consiglio è sempre quello di farsi vedere dal proprio medico

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *