loading...

Ikea, secondo licenziamento choc: “Dipendente sospeso per 5 minuti di pausa in più”

loading...

Ikea ancora sotto accusa dai sindacati. Dopo l’episodio della mamma con un bimbo disabile licenziata, scoppia una seconda polemica per un padre di due figli che si sarebbe concesso una pausa troppo lunga. Claudio, che lavora in un punto vendita di Bari, avrebbe allungato la sua pausa di 5 minuti e questo gli sarebbe costato il posto di lavoro.

loading...

L’uomo lavorava nel negozio da 11 anni e non aveva mai dato o avuto problemi, fino alla lettera di licenziamento arrivata nei giorni scorsi. «Anche a Claudio, come alla mamma lavoratrice di Milano, va tutto il sostegno della Uiltucs», spiega Ivana Veronese, segretaria nazionale della Uiltucs, Unione italiana dei lavoratori dei settori turismo, commercio e servizi, che segue a livello nazionale le trattative con Ikea. «E’ un clima molto pesante quello che si respira in Ikea ultimamente  e i licenziamenti sono la punta di un Iceberg. Anche per questo motivo da una decina di giorni, insieme ai lavoratori dipendenti di Ikea Italia, abbiamo lanciato la campagna #CambiaIkea», così incalza la segretaria all’Huffington Post.

La campagn avviata ha portato ben 25mila firme web e migliaia cartacee arrivate in una settimana. Intanto i sindacati hanno annunciato che non si fermeranno e continueranno a battersi perché si instauri un dialogo e che si possa arrivare a delle ragionevoli soluzioni anche in vista del Natale.

FONTE: LEGGO.IT

loading...

Leave a Reply