Arrestato terrorista islamico…Viveva in Italia da 13 anni…

 

E’ stato condannato a 4 anni e 6 mesi con rito abbreviato, Mehdi Hamil il marocchino di 25 anni ritenuto un aspirante foreign fighters disponibile a raggiungere Siria e Iraq per combattere la Jihad a sostegno dello Stato Islamico.

L’uomo è arrivato in Italia nel 2005 per ricontrare i suoi familiari residenti a Luzzi, che di professione sono venditori ambulanti.

Dalle indagini e dalle testimonianze si è accertati che quest’ultimo era disposto a tutti i costi ad abbracciare il piano dell’Isis.

Su il populista leggiamo:

Dalle indagini, secondo l’accusa, era emerso una “naturale” propensione di Hamil a sposare la causa dell’Isis: utilizzo di piattaforme di comunicazione diverse da quelle abituali.

L’accanito interesse per immagini, filmati e contenuti propagandistici riferiti all’organizzazione linkati quotidianamente tramite diversi siti telematici d’area, i cui contenuti rimandano a forme di addestramento e combattimento tra soggetti incappucciati, tutti contrassegnati dal simbolo dell’Isis. E infine la volontà di raggiungere la Turchia e successivamente il progetto di trasferirsi in Belgio.

Viene da chiedersi cosa succederà al termine della condanna. Tornerà a fare tranquillamente la sua vita in Italia tra pochi anni? Ci terremo in casa un presunto aspirante terrorista e ammiratore dell’Isis? Da notare anche come il marocchino fosse da nel nostro Paese da 12 anni, dunque da quando era solo un 13enne. ù

Un ragazzino. Eppure il fatto che sia cresciuto in Italia e che molto probabilmente abbia frequentato le nostre scuole, non è servito a scongiurare la deriva islamista. Poi parlano di integrazione, di Ius soli.

Fonte: il populista

Foto Credit: i.cdn-lk

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *