Picchia la fidanzata, la crede morta e si suicida

 

Tragedia a Cagliari. Un ragazzo di 25 anni, Riccardo Madau, si è tolto la vita lanciandosi dal cavalcavia che porta allo stadio Sant’Elia. La sua fidanzata, Manuela Picci, 26 anni, di Assemini, è invece stata trovata in fin di vita nei parcheggi. E’ stata immediatamente soccorsa e ricoverata al Brotzu, dove si trova in stato di coma farmacologico. La giovane sarebbe stata massacrata di botte proprio dal fidanzato che, convinto di averla uccisa, si è poi lanciato dal ponte. Il tutto è avvenuto attorno alle 4 di questa notte. La coppia avrebbe raggiunto la zona dello stadio a bordo di una Lancia Y e qui i due hanno avuto una violenta discussione, iniziata prima a bordo del veicolo e poi per strada, probabilmente per motivi di gelosia. Il 25enne avrebbe colpito ripetutamente al volto la ragazza, ed essa, una volta liberatasi dalle grinfie del fidanzato, ha tentato di allontanarsi. Dopo aver percorso qualche metro è poi svenuta. A quel punto, forse preso dal panico, Riccardo Madau, è fuggito, è salito sul cavalcavia che da via Schiavazzi porta al Sant’Elia e si è lanciato nel vuoto. E’ stato il custode del nuovo stadio del Cagliari in costruzione proprio accanto al vecchio (che sarà demolito e ricostruito), allarmato dalle urla che aveva sentito arrivare dalla zona, a lanciare l’allarme. Sul posto sono arrivati gli agenti della Squadra volante e il 118. La ragazza è stata trasportata in ospedale, mentre a nulla sono valsi i tentativi di rianimare il 25enne. A Sant’Elia sono arrivati gli investigatori della Squadra mobile che hanno avviato le indagini.

Leave a Reply